sansiroforum

La comunità di sansiro si confronta
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 quei comunisti del Financial Times

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Nabucco



Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 23.04.08

MessaggioTitolo: quei comunisti del Financial Times   Mer Mag 27, 2009 10:55 am

Questo articolo e' apparso ieri sul Financial Times che spero neppure il prode cavaliere anselmo osera' tacciare di bolscevismo:


Baleful influence of Burlesque cronies
Published: May 26 2009 20:12 | Last updated: May 26 2009 20:12

Fascism is not a likely future for Italy. That is worth saying, because it is being forecast. Many assume that the financial crisis plus Silvio Berlusconi equals a return to fascism. It did, after all, start there.

But that is an unlikely outcome now. Italy in the early 1920s, when Benito Mussolini rose to power, was reeling from a brutally Pyrrhic victory over the Austrians in 1918, the degradation of the political class and a rising threat from leftwing totalitarianism. Mr Berlusconi is clearly no Mussolini: he has squads of starlets, not of Blackshirts.

The real dangers lie elsewhere. Over the 15 years of his political career – always as prime minister, or as leader of the opposition – he has had a largely untrammelled opportunity to shift the national mood rightwards. This he has done not by crude propaganda but by a steady concentration on glitz, glitter and girls and a hyperbolic style of media-geared rhetoric that sees all opposition as communist and himself as a victim.

Now, as hard questions are posed on his relationship with a teenage would-be starlet – first raised by his wife – he has turned on the most obstinate questioner, the left-of-centre daily La Repubblica, issued a veiled threat through an associate and sought to render the questions invalid because politically tainted.

He has shown equal belligerence towards magistrates who judged he had bribed the British lawyer David Mills (to avoid corruption charges) – calling them “leftwing activists” – even though parliament has made him immune from prosecution.

Still dissatisfied even with such a useful parliament, he has called it “useless” and said it should be drastically reduced to 100 members, while his powers increase. He has sought to rouse the masses in his favour, by encouraging a “popular initiative” to collect the required 500,000 signatures for the measure.

But the danger of Berlusconi is of a different order to that of Mussolini. It is that of media sapping the serious content of politics, and replacing it with entertainment. It is of a ruthless demonisation of enemies and refusal to grant an independent basis to competing powers. It is to place a fortune at the service of the creation of a massive image, composed of assertions of endless success and popular support.

That he is so dominant is partly the fault of a faltering left; of weak and sometimes politicised institutions; of journalism which has too often accepted a subaltern status. Most of all it is the fault of a very wealthy, very powerful and increasingly ruthless man. No fascist, but a danger, in the first place to Italy, and a malign example to all.


Spero che la prossima volta che il nostro diversamente onesto premier vantera' la sua caratura internazionale (non perde occasione) qualche esponenente non ancora estinto dei giornalisti seri gli ricordi articoli come questo (c'e' solo da scegliere)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
kaabor



Messaggi : 115
Data d'iscrizione : 05.05.08

MessaggioTitolo: Non sai cosa ti perdi.   Mer Mag 27, 2009 1:03 pm

Caro Nabucco, forse tu, vivendo
a Londra, non potrai seguire la TV
italiana. Se così fosse non sai che
cosa ti perdi!
Tanto per non fare nomi, non
puoi vedere Sandro Bondi, il
direttore Belpietro, l'avv. Ghidini,
ecc.
Sono uno spasso: molto meglio
che andare al cinema. Sono
così spassosi che ho qualche
difficoltà a spiegarlo e ci si rende
conto dello spasso solo vedendoli.
Papi Benito è diventato una nullita
a loro confronto e il suo livore
anti sinistra è puro amore rispetto
a quello dei personaggi che ho
citato.
Ma tu, come ti senti in una città
come quella? Scommetto che fai
di tutto per mimetizzare il tuo
accento italiano e per sembrare,
neppure lontanamente, compatriota
di papi.
Sopporta, porta pazienza, di' ai
tuoi amici inglesi che gli italiani
non sono tutti italioti.
La stampa inglese (per quanto ho
potuto capire dal file che hai inviato),
è molto più informata della nostra e,
soprattutto non è codina verso il
potere.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
GIOVANNI CAVALLI



Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 31.05.08

MessaggioTitolo: Re: quei comunisti del Financial Times   Gio Mag 28, 2009 4:28 pm

STAMPA STRANIERA SCATENATA !

THE INDIPENDENT……INVECE PROPONE AI SUOI LETTORI UN QUESITO :
“ PUO’ UNA TEENAGER FAR CADERE BERLUSCONI ? “

QUESTO GIORNALE RICOSTRUISCE NEL DETTAGLIO IL CASO NOEMI ,
IRONIZZANDO SUL FATTO CHE GLI ITALIANI HANNO SEMPRE PRESO IN GIRO
L’ OSSESSIONE DEI MEDIA ANGLO-SASSONI PER LE VITE PRIVATE DEI RICCHI
E FAMOSI , MA NELL’ ULTIMO MESE I GIORNALI ITALIANI SI SONO OCCUPATI
SOLO DI UNA COSA : I RAPPORTI TRA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ED UNA
GIOVANE DONNA DEL NAPOLETANO CHIAMATA NOEMI LETIZIA .

L ‘ IRONIA E’ CHE IN PASSATO “ BURLUSQUE “ NON HA MAI MOSTRATO
NESSUNA RITROSIA NELL’ ESPORRE AL PUBBLICO LA SUA COLORITA E
CAOTICA VITA PRIVATA .
IL GIORNALISTA PETER POPHAM SOTTOLINEA COME LA VICENDA NON SIA
AFFATTO TRIVIALE ….E AGGIUNGE CHE ……VIVERE IN ITALIA E’ COME ESSERE INTRAPPOLATI IN UNA COLATA DI LAVA CHE LENTAMENTE MA
INESORABILMENTE PRECIPITA LUNGO IL FIANCO DI UNA MONTAGNA .

SCRIVE ANCORA CHE…..INVECE CHE AD UNA RIVITALIZZATA SECONDA REPUBBLICA ….GLI SCANDALI DEGLI ANNI ’90 ….HANNO PORTATO AD UNA
“ ETA’ DI SILVIO “ ED AD UN LENTO MA COSTANTE DEGRADO DELLE
ISTITUZIONI DEMOCRATICHE DEL PAESE .

E, CONCLUDE THE INDIPENDENT….SE IL PRIMO MINISTRO PUO’ MENTIRE IN
MODO COSI SFACCIATO CHE ANCHE UNO STUPIDO PUO’ VEDERE CHE NON DICE LA VERITA’ E NON ESSERE CHIAMATO ALLE PROPRIE RESPONSABILITA’
……ALLORA LA NAZIONE E’ IN PERICOLO . lol!


Ultima modifica di GIOVANNI CAVALLI il Gio Mag 28, 2009 4:32 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
GIOVANNI CAVALLI



Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 31.05.08

MessaggioTitolo: Re: quei comunisti del Financial Times   Gio Mag 28, 2009 4:31 pm

STAMPA STRANIERA SCATENATA !

THE INDIPENDENT……INVECE PROPONE AI SUOI LETTORI UN QUESITO :
“ PUO’ UNA TEENAGER FAR CADERE BERLUSCONI ? “

QUESTO GIORNALE RICOSTRUISCE NEL DETTAGLIO IL CASO NOEMI ,
IRONIZZANDO SUL FATTO CHE GLI ITALIANI HANNO SEMPRE PRESO IN GIRO
L’ OSSESSIONE DEI MEDIA ANGLO-SASSONI PER LE VITE PRIVATE DEI RICCHI
E FAMOSI , MA NELL’ ULTIMO MESE I GIORNALI ITALIANI SI SONO OCCUPATI
SOLO DI UNA COSA : I RAPPORTI TRA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ED UNA
GIOVANE DONNA DEL NAPOLETANO CHIAMATA NOEMI LETIZIA .

L ‘ IRONIA E’ CHE IN PASSATO “ BURLUSQUE “ NON HA MAI MOSTRATO
NESSUNA RITROSIA NELL’ ESPORRE AL PUBBLICO LA SUA COLORITA E
CAOTICA VITA PRIVATA .
IL GIORNALISTA PETER POPHAM SOTTOLINEA COME LA VICENDA NON SIA
AFFATTO TRIVIALE ….E AGGIUNGE CHE ……VIVERE IN ITALIA E’ COME ESSERE INTRAPPOLATI IN UNA COLATA DI LAVA CHE LENTAMENTE MA
INESORABILMENTE PRECIPITA LUNGO IL FIANCO DI UNA MONTAGNA .

SCRIVE ANCORA CHE…..INVECE CHE AD UNA RIVITALIZZATA SECONDA REPUBBLICA ….GLI SCANDALI DEGLI ANNI ’90 ….HANNO PORTATO AD UNA
“ ETA’ DI SILVIO “ ED AD UN LENTO MA COSTANTE DEGRADO DELLE
ISTITUZIONI DEMOCRATICHE DEL PAESE .

E, CONCLUDE THE INDIPENDENT….SE IL PRIMO MINISTRO PUO’ MENTIRE IN
MODO COSI SFACCIATO CHE ANCHE UNO STUPIDO PUO’ VEDERE CHE NON DICE LA VERITA’ E NON ESSERE CHIAMATO ALLE PROPRIE RESPONSABILITA’
……ALLORA LA NAZIONE E’ IN PERICOLO .
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Nabucco



Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 23.04.08

MessaggioTitolo: Re: quei comunisti del Financial Times   Ven Mag 29, 2009 11:06 am

@Kaabor

scusami, mi era sfuggito il tuo commento qui sopra. Hai colto nel segno. Me ne vergogno ma faccio sempre finta di non essere italiano e questo mi fa ancora di piu' arrabbiare per chi in qualche modo mi costringe a questa vigliaccata.

@Giovanni

questi comunisti sono ormai dappertutto, e pensare che si diceva fossero stati sconfitti ;-)


ciao, e' un piacere leggervi
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: quei comunisti del Financial Times   

Torna in alto Andare in basso
 
quei comunisti del Financial Times
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
sansiroforum :: Sansiroforum Regolamento :: Politica :: Politica nazionale-
Vai verso: