sansiroforum

La comunità di sansiro si confronta
 
IndiceFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Il principe ed il povero

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Nabucco



Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 23.04.08

MessaggioTitolo: Il principe ed il povero   Mar Giu 16, 2009 3:57 pm

A sei mesi dall'installazione alla Casa Bianca Obama ha finalmente concesso udienza a berlusconi. Non lo ha fatto come avviene solitamente con ricevimento, cena, discorsi, scambi di regali, mogli che si abbracciano (beh, anche per ovvi motivi) ecc. ma si e' trattato di un breve scambio di opinioni durato un'ora e mezza. Toccata e fuga, quasi clandestinamente. Leggo sulla stampa italiana online entusiastici commenti: Obama, berlusconi mi piace personalmente. Benvenuto amico mio. Abbraccio di Obama a berlusconi ecc. Un poco stupito da questa reazione sono andato a leggermi il comunicato stampa (in inglese) della Casa Bianca. Il risultato e' leggermente differente.
Obama riceve berlusconi posandogli entrambe le mani sulle spalle. Nella precisa ed attenta etichetta ufficiale americana un uomo alto come Obama che posa paternamente (non fraternamente come si vorrebbe far credere) entrambe le mani sulle spalle di un uomo visibilmente piu' piccolo vuole far risaltare la differenza di statura ed e' gesto volutamente imponente e quasi maleducato, non credo Obama lo avrebbe fatto ad esempio con Arafat (alto come berlusconi), lo avrebbe verosimilmente abbracciato come fece a suo tempo Clinton. Il gesto e' volutamente irrisorio, non si puo' pensare che Obama abbia improvvisato, non capita a quel livello.

Le parole: nice to see you my friend, non vogliono dire assolutamente nulla, e' intercalare tipico anglosassone e Obama le userebbe (come ogni suo connazionale) incontrando chiunque. Pensare che ci sia qualcosa di personale nel -my friend- indica solo scarsa conoscenza dei costumi americani, un po' come i maschi italiani che si "gasano" se un'inglese li apostrova con: hello love o un'americana: hi sweetheart. Sorry, ragazzi, e' semplice intercalare e non significa ne amore ne cuoricino. Obama poi parla dei rapporti tra Italia e Stati Uniti e tra italiani e americani sempre sottolineando la grande amicizia tra i due popoli e i due stati come e' giusto e normale che faccia un politico di grande livello come lui che sulla bilancia mette il paese e i cittadini non il personale. Se avesse voluto fare un complimento diretto a berlusconi non gliene sarebbe mancata l'occasione. Ad esempio quando dice: we met at the G20 gli sarebbe bastato aggiungere qualcosa sul tipo di: and we immediately liked each other o una qualunque frase del genere. Invece nulla, solamente verso la fine dice: in addition to personally liking berlusconi, our people are friends. La stampa italiana ha subito tradotto: berlusconi mi piace personalmente.

Il presidente americano ci ha, pur nel suo ancor breve mandato, abituati a discorsi in cui tutte le parole, virgole, pause ed accenti sono "pesanti" e vanno valutate attentamente. La scelta di questa espressione e' quantomai strana perche' ancora pone l'accento sui due popoli e non sui due leaders. Se avesse voluto fare un apprezzamento diretto e personale avrebbe detto: I personally like berlusconi and likewise our people like each other o: americans and italians have always been friend, and so are Mr. berlusconi and I, o berlusconi and I are friends and so are our people o mille altri modi inequivocabili. La formula scelta invece puo' benissimo essere letta cosi: che berlusconi mi piaccia o meno, i nostri due popoli sono amici da sempre oppure e meglio: a prescindere dal fatto che berluconi mi piaccia personalmente i nostri due popoli sono amici.

In sostanza, non ci sono dubbi secondo Obama che i due popoli si piacciano e siano amici "in addition to me personally liking mr. berlusconi", e' l'uso del "personally" che porta a pensare che il presidente USA abbia voluto fare un distinguo che non avrebbe ragione di essere se il piacersi fosse comune a individuo e popolo.

Per concludere, anche il fatto che insolitamente berlusconi non abbia fatto nessuna battuta "simpatica" farebbe pensare che in quell'ora e mezza di colloquio sia stato invitato a tenere un profilo piuttosto basso. In effetti le sue parole sono state stranamente apprezzabili. Ricorderete tutti le stupidaggini che uscivano dai colloqui tra bush e berlusconi, anche solo per questo Obama e' un gran presidente.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
kaabor



Messaggi : 115
Data d'iscrizione : 05.05.08

MessaggioTitolo: Re: Il principe ed il povero   Mar Giu 16, 2009 4:06 pm

Apprezzabile ed istruttivo questo post sulla
visita di papi alla Casa Bianca.

Ne ho preperato uno anch'io sullo stesso
argomento, ma che invierò domattina per
non intasare il forum.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
kaabor



Messaggi : 115
Data d'iscrizione : 05.05.08

MessaggioTitolo: Re: Il principe ed il povero   Mar Giu 16, 2009 5:04 pm

Nabucco, è così bello e preciso il tuo
commento che, col tuo permesso, vorrei
pubblicarlo nei blog e forum che frequento.
Che ne dici?
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Nabucco



Messaggi : 139
Data d'iscrizione : 23.04.08

MessaggioTitolo: Re: Il principe ed il povero   Mar Giu 16, 2009 5:29 pm

@kaabor,

mi fa solo piacere.

ciao
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Il principe ed il povero   

Torna in alto Andare in basso
 
Il principe ed il povero
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
sansiroforum :: Sansiroforum Regolamento :: Politica :: Politica nazionale-
Vai verso: